NOTIZIE E TESTO TRATTO DAL LIBRO DI VITTORIO GLEIJESES "FESTE, FARINA E FORCA" ed. SEN 1977

Nicola Valletta (1748-1814) autore di canzoncine fece un esperimento di traduzione in napoletano pieno di realistica vivacità del Salmo 51 chiamato Miserere.

Riporto il testo integrale che a mia volta ho ridotto e tradotto, in in molte parti, in napoletano corrente o quantomeno non in disuso.

 
 

 

Auza Signò la mano,

perdòname, mme pento,

e pe la pena sento

lo core mio spezzà.

 

Si dde piatà no maro,

che non c’è funno, o Dio

e lo sgarrrone mio

scassa pe carità.

 

Polizzame co ss’acqua,

ma da chest’arma sgrata

n’abbasta na colata

le mmacchie pe llevà..

 

Io saccio ch’aggio fatto,

e tengo sep’attuorno

l’arrore notte e gghiuorno,

che mme se vo magnà.

 

Contra de te peccaje

e nnanze all’uocchie tuoje;

si connannà mme vuoje,

chi te pò jodecà?

 

Ma saje da n’auta parte,

ca fràceto so nnato,

ca mamma mia ‘mpeccato

mm’appe da gennerà.

 

E tu perzò benegno

spalafecato mm’aje

segrete e quanto saje

de scure veretà.

 

Nfunneme co l’issuopo

ca bello mme farraggio,

e ghianca a mmè mparaggio

la neve non sarrà.

 

Damme cuscienza bona,

cmpagna a l’allegrezza,

e bbide che fortezza

sto spruòccolo avarrà.

 

Vota da llà ssa faccia

nn mme mmirà mpeccato

mmira quann’aje levato

tutte le nniquetà.

 

Damme no core mpietto

che sta pulito e bello,

no spireto noviello

che stuorto maje non bbà.

No, da ssa faccia bella

non me caccià lontano,

non te girà la mano

ca so ccaduto già.

 

La grazia e l’allegrezza,

ch’io, sciocco, aggio perduto,

Tu tòrname, e tu ajuta,

chi tremmolianno stà.

 

E all’aute mpararraggio,

qua sò le bbie de Fede,

e chillo che non crede

pe mme nce credarrà.

 

Scànzame da nnemmice

Signò, non darle gusto,

e a ddì quanto sì gghiusto,

che strille voglio fà!

 

Apreme, o Dio de st’arma,

la vocca, ch’è ngniellata,

sta lengua po nfocata

spanto de te farrà.

 

Si maje tu sfizzio avisse

de n’àino scannato

te ll’avarria portato,

ma tu che nn’aje da fa?

 

Saccio ca t’addeletta

sulo n’affritto core,

afferte de delore

no, non mme puoje scartà.

 

Mpròfeca, o Dio piatuso

Sionne affritta e scura,

fa ch’auza le mmura

sta povera Cetà.

 

E tanne azzettarraje

afferte assaje chiù belle,

auto che de vitielle

li Autaro fummarrà.

 

Grolia a lo Patre e nziemmo,

Grolia a lo Figlio e onnore,

e a lo devino Ammore,

Grolia da ccà e da llà.

 

Comm’era nnante secola,

e mo, e nfin’a quanno

li siecole jarranno

ncuorpo a l’Aternetà.