TESTO CANTATO DA MARIO INCUDINE NEL DISCO "LA CHIARA STELLA" DELL'ORCHESTRA POPOLARE ITALIANA DI AMBROGIO SPARAGNA

Riporto il testo integrale in siciliano che a mia volta ho tradotto modificando soprattutto la terza strofa e il finale dove Giuseppe invece che cullare il figlio si lancia in una richiesta di perdono e poetica dichiarazione di amore a sua moglie

 
 

 

 

O quant' duci, sapurita e beddha...

l'Angiuli la vssiru fari zita 

Non c'era nuddhu cu cui apparentari...

sulu Giuseppi, cu barba fiurita...

Giuseppi si partu pe' li paisi...

e la lassu 'ddha rosa culurita...

Quandu fici ritornu a li sei mesi,

la trova tutta gravita cumpta...

 

O Diu, chi avissi 'na spata ammolata!...

a menzanotti la vorra ammazzari!....

Calu di 'n Cielu un Angelu d'Amuri:

Chi fai, Giuseppi?... chi ti vo' dannari ?...

Tu vo' ammazzari a lu Diu Celestiali...

Chiddu chi creu Cielu, Terra e Mari?...

Chi vi ammazzari, cu 'ssu to' spatuni?...

A Diu, chi t'ha fiuritu lu bastuni?!...

 

Iddhu, sentendu 'stu duci parrari,

a la Madonna cci duna un basuni...

Iddhu, sentendu 'sti duci parlari,

a la Madonna si stringi a lu cori!