TESTO NAPOLETANO

TRADUZIONE NOTE AL TESTO

CHE MIRACOLO STAMMATINA

Che miracolo stammatina,
io, cu ll'uocchie d' 'a meraviglia,
veco 'o munno p' 'a primma vota,
comme fosse nu piccerillo,
che miracolo stammatina.
Veco 'a rondine dint' 'o nido,
veco ll'onna ca va e ca vene,
sento 'o viento che sbatte e canta,
proprio comme fa 'o core mio.
Che miracolo stammatina.

Ll'anema mia,
st'anema mia,
ha miso vela,
ha miso scelle
e d' 'o cielo 'e chistu mumento,
tutt' 'o mmale luntano sta.

 Che miracolo stammatina,
sento 'o sole ncopp' a na mano
e accarezzo soprappenziero
chianu chiano ll'acqua d' 'o mare,
che miracolo stammatina.
Faccio parte pur'io d' 'o munno,
comme ll'albero e comme 'a fronna,
comme 'a nuvola e comme ll'aria,
comme 'a preta che sta int' 'o sciummo.
Che miracolo stammatina.


CHE MIRACOLO STAMATTINA

Che miracolo stamattina,
io, con lo sguardo stupito,
vedo il mondo come per la prima volta,
come fossi un bambino,
che miracolo stamattina.
Vedo la rondine nel nido,
vedo l’onda che va e che torna,
sento il vento che sbatte e canta,
proprio come fa il mio cuore.
Che miracolo stamattina!

L’anima mia,
quest’anima mia,
ha messo vela,
ha messo le ali,
e dal cielo di questo momento
tutto il male è lontano.

Che miracolo stamattina!
Sento il sole sopra la mano
e accarezzo sovrappensiero
piano piano l’acqua del mare
che miracolo stamattina.
Faccio anch’io parte del mondo,
come l’albero e come la fronda,
come la nuvola e come l’aria,
come la pietra che giace nel fiume.
Che miracolo stamattina!

TESTO: Salvatore Palomba

MUSICA: Sergio Bruni

Anno:

E' sorprendente la consonanza con questo brano di don Giussani

«Supponete di nascere, di uscire dal ventre di vostra madre all’età che avete in questo momento, nel senso di sviluppo e di coscienza così come vi è possibile averli adesso. Quale sarebbe il primo, l’assolutamente primo sentimento, cioè il primo fattore della reazione di fronte al reale? Se io spalancassi per la prima volta gli occhi in questo istante uscendo dal seno di mia madre, io sarei dominato dalla meraviglia e dallo stupore delle cose come di una “presenza”. Sarei investito dal contraccolpo stupefatto di una presenza che viene espressa nel vocabolario corrente della parola “cosa”. Le cose! Che “cosa”! Il che è una versione concreta e, se volete, banale, della parola “essere”. L’essere: non come entità astratta, ma come presenza, presenza che non faccio io, che trovo, una presenza che mi si impone» (Luigi Giussani, Il senso religioso, Rizzoli)

 


MISERERE ‘E ME

Pietà de me, perdono,
Signore mio, me pento
e pe
la pena sento
lu core mio spezzà.

D'ammore si' nu mare
che n’
have funno, oh Dio,
chistu peccato mio
scorda pe carità.

Lavame cu chest’acqua,
ma pe chest'arma ngrata
nun basta na lavata
pe ghianco addeventà.      

Io saccio ch’aggio fatto
e tengo sempe attuorno
na colpa, notte e ghiuorno,
ca me vò
cunzumà.

Signo’, Tu vaje truvanno
n'addulurato core,
sti
lacreme d'ammore
nun m' 'e ppuò rifiutà.                       

Damme cuscienza bona
compagna a l’allegrezza
e vide che fortezza
dinto me venarrà.

Damme nu core mpietto
ca se mantene puro,
nu spirito sicuro
ca stuorto maje nun va.

Scanzame d' 'e nemice,
Signore buono e ghiusto,
e io sempe cu cchiù gusto
pe Te voglio cantà.        

Gloria a lu Pate e nzieme
gloria a lu Figlio e onore
a lu divino Ammore,
gloria all’Eternità.

MISERERE DI ME

Pietà di me, perdono,
Signore mio mi pento
e per la pena sento
il mio cuore spezzarsi. 

Sei un mare d’amore
che non ha fondo, oh Dio,
questo mio peccato
scorda per carità.

Lavami con quest’acqua,
ma per quest’anima ingrata
non basta una sola lavata
per farmi diventare bianco.

So cosa ho fatto
ed ho sempre davanti
la colpa, notte e giorno,
che vuole consumarmi.

Signore tu desideri
un cuore pentito,
queste lacrime d’amore
non puoi rifiutarle.

Dammi una coscienza retta
compagna della letizia
e vedrai che fortezza
dentro me nascerà.

Dammi un cuore
che si conservi puro,
uno spirito sicuro
che non devii mai.

Proteggimi dai nemici,
Signore buono e giusto,
e sempre con più gusto
per Te voglio cantare.

Gloria al Padre
ed anche al Figlio
e onore all’Amore divino,
gloria all’Eternità.

 
TESTO: rielaborazione di Gianni Aversano

vai al testo originale

MUSICA: Gianni Aversano

 

 

MARIA (sopra la Carpinese)

Maria,
già se senteno ‘e vvoce
ca portano turmiente,
chè ll
’ora è venuta già.

Maria,
o tiempo nun o firme cchiù,
“a morte e accussì sia”
p' 'o figlio tuojo Gesù.

E tu pensarraje a tanta juorne e tanta mise
arrivanno a ogge dint' a tutto stu dulore
e pecchè stu strazio se pò fa nu poco doce,
Maria, prega e nun te scurdà.

Da quanno nascette
fino a quanno te chiammaje
fuste tu la mamma 'e ogni risa e ogni chianto,
ma nun ce sta scola ca te mpara cchiù d' 'a vita,
Maria, prega chè è ll’ora.

Maria.

Maria
già li ssento attuorno cca,
avanzano p' 'a via,
nn' è cchiù
tiempo ‘e penzà.

Maria,
stanno afferrà
a Gesù,
speranza int’ ’a sta vita
nun te ne resta cchiù.

Da quanno nascette
fino a quanno te chiammaje
fuste tu la mamma 'e ogni risa e ogni chianto,
ma nun ce sta scola ca te mpara cchiù d' 'a vita,
Maria, prega chè è ll’ora già.

Quanno ogni ragione vene accisa e scancellata
restano dulore e sulo spade dint’’e mmane,
guardalo l’Ammore mentre vene miso ‘ncroce,
Maria, prega pe mme pietà.

Maria.

MARIA (sopra la Carpinese)

Maria,
già si sentono le grida
che portano tormenti,
perché l’ora è già venuta

Maria
il tempo non lo fermi più
“a morte e così sia”
per il figlio tuo Gesù.

E tu penserai a tanti giorni e tanti mesi
arrivando fino a oggi dentro a tutto questo dolore,
e perché questo strazio possa addolcirsi un poco,
Maria, prega e non scordarti.

Da quando nacque
fino a quando (dalla croce) ti chiamò
tu fosti la mamma di ogni riso e ogni pianto,
ma non c’è scuola che insegni più della vita,
Maria, prega che è ormai l’ora.

Maria.

Maria
già li sento nei dintorni
avanzano per la via
non è più tempo di pensare.

Maria
stanno afferrando Gesù
speranza in questa vita
non te ne rimane più.

Da quando nacque
fino a quando (dalla croce) ti chiamò
tu fosti la mamma di ogni riso e ogni pianto,
e non c’è scuola che insegni più della vita
Maria, prega che è ormai l’ora.

Quando ogni ragione viene uccisa e cancellata
restano solo dolore e spade nelle mani
guardalo l’Amore mentre viene messo in croce
Maria, prega per me, pietà!

 Maria.

 
TESTO: traduzione e rielaborazione di Gianni Aversano

vai al testo originale

MUSICA: Cristina Pluhar

 


VIENE SUONNO

Viene suonno da lu Cielo,
viene e adduorme a stu Nennillo,
pe pietà ca è peccerillo,
viene suonno e nun tardà.

Gioia bella de stu core,
vurria suonno addeventare
doce doce pe te fare
st'uocchie belle addurmentà.

Ma si Tu p'essere amato
te si' fatto bambeniello
sulo Ammore è 'o sunnariello
che durmire te pò fa. 

Ment'è chesto può fa nonna,
pe tte st'arma è arza e bona,
t'amo t'amo, sta canzona
già t'ha fatto addobbeà.

T’amo Dio, bene mio,
t’amo gioia, t’amo t'à'...

VIENE SUONNO

Scendi sonno dal cielo
vieni e addormenta questo Bambino,
per favore chè è appena nato,
vieni sonno e non tardare.

Gioia bella di questo cuore,
vorrei diventare sonno
per farti dolcemente
chiudere questi occhi.

Ma se Tu per essere amato
ti sei fatto bambino
solo Amore è il sonno
che può farti dormire.

Se è così puoi dormire,
per te quest’anima arde forte,
ti amo, questa canzone
già ti ha fatto assopire.

Ti amo Dio, bene mio,
ti amo gioia, ti amo.

 
TESTO: Sant'Alfonso Maria de' Liguori.

MUSICA: Ambrogio Sparagna

 

Tratto dal bellissimo Quanno nascette Ninno


LA SPADA DI SAN GIUSEPPE

Accussì bella la facette Dio
che Figlio suojo vulette addeventare.
Le dette pe marito a n’ommo pio
e l'Angelo la jette a visitare.

Giuseppe ca girava p' 'e paise
lassaje Maria vergine e serena;
turnanno doppo quase sette mise:
“Maria! Ch'hê fatto!”, la truvaje già prena!

Comme m’hê fatto chistu tradimento
cu sta faccella doce e mmaculata?
o t’acceresse dint' a stu
mumento
cu sta spata pesante e ammulata!

Scennette 'a cielo l'Angelo d'ammore:
Che faje Giuseppe? Che te vuò dannare?
T'ha vuò pigliare cu lu Criatore,
Chillo ca fece cielo, terra e mare!”.

Sentenno San Giuseppe sta nuvella,
s’addenucchiaje ê piede d' 'a mugliera,
e le parette ancora assaje cchiù bella,
nu sciore prufumato ‘e primmavera.

Oh Maria mia, me tremma ancora ‘o core
che s’era dint’a nniente spaventato,
tu si' la mamma de l’
Eterno Ammore,
abbracciame e perdona stu peccato!

 Maria mia, Maria bella oh,
fa' de st’ammore mio chello ca vvuò.

 
LA SPADA DI SAN GIUSEPPE

Dio la fece così bella
che volle essere suo figlio.
Le diede per marito un pio uomo
e l’Angelo andò a farle vistita.

Giuseppe che girava per i paesi
lasciò Maria vergine e serena
tornando dopo quasi sette mesi:
“Maria, cosa hai combinato!”, la trovò già gravida!

Come hai potuto tradirmi
con questo visino dolce ed immacolato?
Ti ucciderei proprio in questo istante
con questa spada pesante ed affilata!

Scese dal cielo l’Angelo d’Amore:
“Che fai Giuseppe? Ti vuoi dannare?
Te la vuoi prendere col Creatore,
Colui che fece cielo, terra e mare!”.

Sentendo San Giuseppe questo annuncio
s’inginocchiò ai piedi della moglie
e gli sembrò ancor più bella,
un fiore profumato di primavera.

Oh Maria mia, mi trema ancora il cuore
che si era subito spaventato,
Tu sei la mamma dell’eterno Amore,
abbracciami e perdona questo peccato!

 Maria mia, Maria bella,
fa' di questo amore mio quello che vuoi.

 

TESTO: rielaborazione e traduzione di Gianni Aversano

vai al testo originale

MUSICA: Mario Incudine e Ambrogio Sparagna


O VOI CH'IN TANTE MIE PENE AMARE

O voi ch’in tante mie pene amare
lieti ne andate per questa via,
vedete, oh Dio, se mai vi sia
dolore eguale al mio dolor.

Questo che innanzi lacero, esangue,
mi sta morendo su di quel legno,
questo è mio Figlio, che non è degno
di strazi e scherni, ma sol d’amor.

Questo è quel Figlio, che ‘l gran Fattore
del Mondo tutto vanta per Padre;
e questo è Quello che per sua Madre
prima del mondo mi destinò.

Egli è quel Dio che in quella notte
vidi per prima fatto Bambino,
che col suo bello Viso Divino
sin da quel punto m’innamorò.

Egli mi scelse per sua diletta
fida compagna della sua vita:
e poi mi tenne sempre ferita
e innamorata di sua beltà.

E questo è Quello, ch’ ora mi vedo
su quel d’affanni letto funesto
morir tra pene sì afflitto e mesto,
che ancor le pietre move a dolor.

Dove si volge, Egli non trova
chi lo difenda o lo conforti;
ma tutti vede intenti e accorti
a far più duro il suo patir.

O voi ch’in tante mie pene amare
lieti ne andate per questa via,
vedete, oh Dio, se mai vi sia
dolore eguale al mio dolor.

 
  TESTO: Sant'Alfonso Maria de' Liguori

MUSICA: rielaborazione di Gianni Aversano da linea originale che puoi ascoltare in questa versione cliccando qui


MARONNA MIA

Chisto è ‘o tiempo e ll’uva ianca
tiempo amaro, tiempo ‘e chianto:
miettece ‘a mana toia, Maronna mia.

Odio e arraggia attuorno a nuie,
scorre o sanghe mmiez’ ’e vvie:
miettece ‘a mana toia, Maronna mia.

Levace ‘a pietto chesti prete nere
ca se so’
mise addo’ ce steva ‘o core,
facce turnà commeremo criature,
frate cu frate senza avè paura.
E leva ‘a dint’ all’aria
tutto stu male ca se respira.
Miettece ‘a mana toia,
Maronna mia.

Figlie ‘e mamma comme tante
ca s’accidono pe’ niente:
miettece ‘a mana toia, Maronna mia.

Guerra ‘a fore e guerra ‘a dinto,
ma che munno malamente:
miettece ‘a mana toia, Maronna mia.

MADONNA MIA

Questo è il tempo dell’uva bianca
tempo amaro, tempo di lacrime:
mettici la tua mano, Madonna mia.

Odio e rabbia intorno a noi
scorre il sangue per le strade:
mettici la mano tua, Madonna mia.

Toglici dal petto queste pietre nere
che si sono messe dove c’era il cuore,
facci tornare come eravamo bambini,
fratelli l’uno dell’altro senza aver paura.
E leva da dentro l’aria
tutto questo male che si respira.
Mettici la mano tua,
Madonna mia.

Figli di mamma come tanti
che si uccidono senza ragione:
mettici la mano tua, Madonna mia.

Guerra fuori e guerra dentro,
ma che mondo malvagio:
Mettici la mano tua, Madonna mia.

 

TESTO: Salvatore Palomba

MUSICA: Eduardo Alfieri

 

 


VERGINE MAMMA BELLA

Vergine mamma bella
figliata da lu figlio,
riggina puverella,
‘a storia a te s’appiglia.

Tu nobbele faciste
l’umana condizione
quanno lu Pate ‘e Cristo
de Te fu concezione.

Già ‘nzino a te Signora
l’
Ammore s’avvampaie
e ‘ncielo, p' 'o
calore,
‘stu sciore se sguigliaje.

Tu ‘ncielo bellu nomme
si' ‘o sole de lammore,
schizze speranza all’omme,
f
untana ca nun more.

Signora accussì grande
mantienece da sotto,
chi a Te nun fa dimanda
vola cu ‘e scelle rotte.

O mamma chiena ‘e bbene
a Te nuje ce affidammo,
l’ammore tuojo ce vene
p
rimma ca t’ ’o cercammo.

Cu tte misericordia
e ‘o bbuono ‘e ogni creatura,
cancella ogne discordia
m
amma d' 'e peccature.

VERGINE MAMMA BELLA

Vergine mamma bella
creata dal Figlio,
regina poveretta,
la storia a Te si appiglia.

Tu nobilitasti
l’umana condizione
quando il Padre di Cristo
fu da Te concepito.

Già nel tuo grembo Signora
l’Amore si accese
e in cielo, per il calore,
germinò questo fiore.

Tu, nel cielo, bel nome
sei il sole dell’amore
irrori speranza all’uomo,
fontana che non muore.

Signora così grande
reggici da sotto,
chi a Te non fa domanda
vola con le ali spezzate.

O mamma piena di bene
a te noi ci affidiamo,
l’amore tuo ci viene
prima che te lo cerchiamo.

Con te misericordia
e il bene di ogni creatura,
cancella ogni discordia
mamma dei peccatori.

TESTO: libera traduzione di Gianni Aversano dalla Commedia di Dante Alighieri

MUSICA: Gianni Aversano


PULLECENELLA ‘O QUARTO MAGIO

Vedite vuje che m'hev' 'a capità:
so' trenta juorne senza repusà,
appriesso a tre re magge dint' 'o deserto,
ncopp' a stu ciuccio ca nun se tene allerta.
Schiavo so' nnato e me so' abituato,
fatico e tengo pure 'a nnammurata,
io stevo sistemato 'a casa mia
e mo vaco truvanno stu Messia.

Cu Gasparre, Melchiorre e Baldassarre,
ncopp' 'e cammelle turbante e scimitarre,
io che sto areto a tutta 'a prucessione,
quanno fa notte canto sta canzone…
che fa:
Stella stella, chiara stella,
cu sta coda longa e bella,
tu ci doni la speranza
tengo 'o vvuoto dint' 'a panza.
Stella stella, chiara stella,
de stu rre tu sei l'ancella,
puortece a destinazione
ca me scenne lu cazone.

M'hanno spiegato: "nasce nu gran rre,
putente cchiù d'Erode e de chisti tre",
dice che porta la felicità,
aggio truvato chi me fa magnà.
Me levo ‘o ciuccio
e accatto dduje cammelle,
me sposo cu Assuntina e quant' è bella!
E po' na casarella ncopp' 'o mare,
appriesso a chella stella, ih che affare!

Cu Gasparre, Melchiorre e Baldassarre,
‘ncopp''e cammelle, turbante e scimitarre,
Io che sto areto a tutta 'a prucessione,
quanno fa notte canto sta canzone…
che fa:
Stella stella, chiara stella,
cu sta coda longa e bella,
Trova a chistu Salvatore
c'aggia fa lu gran signore.
Stella stella, chiara stella,
de stu Rre tu sei l'ancella,
me se so' addermute ‘e ccosce
e
stu ciuccio me s'ammoscia.

Quanno a nu punto s’è fermata 'a stella
purtannoce annanz' a na rutticella,
già stevano pasture e pecurelle,
na folla cu zampogne e ciaramelle.
C' 'o ciuccio io m’avanzo chianu chiano;
ma qualu Rre? Ojmà, che cosa strana!
N
u povero criaturo mbraccio a mamma,
cchiù peggio ‘e me,
gelato e muorto ‘
e famma.

Cu Gasparre, Melchiorre e Baldassarre,
che hanno purtato ll'oro, 'o ncienzo e 'a mirra,
p
e scarfà a chillu povero Dio
ce lasso in dono pure 'o ciuccio mio...
e mo’
Stella stella, chiara stella,
m'hê purtato â rutticella,
che sfurtuna nera nera,
so' rimasto pure appere.

Ma po' n' angelo splendente
me dicette dolcemente:
"Pulcinella, nn’essere triste,
ca pe tte mo è nato Cristo,
e
l'ammore ca ll'hê dato
tutt' 'a vita t'ha salvato".
Turnaje gioia e la speranza,
s'arignette pure 'a panza...

E nu bello cammello accumparette,
ch’era ‘o cchiù gruosso e forte d' 'o deserto,
e cu priezza, cu 'a fede e c' 'o curaggio,
mo' ero ricco comm’a nu rre magio,
 e cu priezza cu 'a fede e c' 'o curaggio
Pullecenella mo' era 'o quarto magio.

  
PULCINELLA IL QUARTO MAGIO

Guardate un po’ cosa doveva capitarmi,
sono ormai trenta giorni senza riposare,
a seguito di tre Re Magi nel deserto
su questo asino che a stento si regge in piedi
Sono nato schiavo e mi ci sono abituato,
lavoro ed ho pure una fidanzata,
io me ne stavo tranquillo a casa mia
ed ora vado cercando questo messia!

Con Gasparre, Melchiorre e Baldassarre,
sui cammelli con turbanti e scimitarre,
ed io che sto dietro a tutto il corteo,
quando arriva la notte canto questa canzone...
che fa:

Stella, stella, chiara stella,
con questa coda lunga e bella,
tu ci doni la speranza
ho un buco nello stomaco.
Stella, stella, chiara stella,
di questo Re tu sei l’ancella,
portaci a destinazione
chè se ne scendono i pantaloni.

Mi hanno spiegato: “nascerà un gran Re,
potente più di Erode e di questi tre”,
dicono che porterà la felicità,
ho trovato chi mi darà da mangiare!
Metterò da parte l’asino
e comprerò due cammelli,
mi sposerò con Assuntina - oh quanto è bella -
e poi una casetta in riva al mare;
dietro a questa stella, che grande affare!

Con Gasparre, Melchiorre e Baldassarre,
sui cammelli con turbanti e scimitarre,
ed io che sto dietro a tutto il corteo,
quando arriva la notte canto questa canzone...
che fa:
Stella, stella, chiara stella,
con questa coda lunga e bella,
trova questo Salvatore
che devo fare il gran signore.
Stella, stella, chiara stella,
di questo Re tu sei l’ancella,
mi si sono addormentate le cosce
e quest’asino mi sta venendo meno.

Ad un certo punto si è fermata la stella
portandoci davanti ad una piccola grotta,
già c’erano pastori e pecorelle,
una folla con zampogne e ciaramelle.
Con l’asino io avanzo piano piano;
“ma quale Re?”, mamma mia, che cosa strana!
un povero bambino in braccio alla mamma,
combinato peggio di me,
raggelato e morto di fame.

Con Gasparre, Melchiorre e Baldassarre
che hanno portato l’oro, l’incenso e la mirra,
per riscaldare quel povero Dio
gli lascio in dono anche l’asino mio...
ed ora?
Stella, stella, chiara stella,
mi hai condotto alla piccola grotta,
che sfortuna nera nera
son rimasto anche a piedi...

Ma all’improvviso un angelo splendente
mi disse dolcemente:
“Pulcinella non essere triste
chè per te ora è nato Cristo!
E l’amore che Gli hai offerto
tutta la vita ti ha salvato”.
Tornò gioia e la speranza,
si riempì anche lo stomaco...

Ed un bel cammello comparve,
che era il più grande e forte del deserto,
e con la gioia, la fede ed il coraggio
ora ero ricco come un re magio,
e con la gioia, la fede ed il coraggio
Pulcinella era diventato il quarto magio.

 

TESTO: Gianni Aversano

MUSICA: Gianni Aversano

 


E NENNILLO MIO SI' TU

Jettero li pasture alla capanna
pe ritrovà Giuseppe cu’ Maria,
a mmiezz’ a loro c’era un bianco viso
ch’era ‘nu piezzo de Paradiso.
Restajeno ‘ncantate e a vocc'aperta
pe
tanto tiempo senza di’ parola,
jettarono suspire ‘a dint’ 'o core,
cacciarono a migliara atte d’
ammore.

 E Nennillo mio si’ Tu
e si' Tu sole d’
ammore. 

Restajeno ‘ncantate e a vocc'aperta
pe
tanto tiempo senza di’ parola,
jettarono suspire ‘a dint’ 'o core,
cacciarono a migliaia atte d’
ammore.
Pigliata confidenza se mettettero a sunare
e a cantà cu’ ll’angele e cu’ Maria
cu na voce ch’era accussì doce
ca ‘o Bambeniello s’addurmette ‘npace.

Jettero li pasture alla capanna
pe ritrovà Giuseppe co’ Maria,
a mmiezz’ a loro c’era un bianco viso
ch’era ‘nu piezzo de Paradiso.
Pigliata confidenza se mettettero a sonare
e a cantà cu’ ll’angele e cu’ Maria,
cu na voce ch’era accussì ddoce
ca ‘o Bambeniello s’addurmette ‘npace.

 
SEI TU IL MIO BAMBINO

Andarono i pastori alla capanna
e vi trovarono Giuseppe con Maria,
in mezzo a loro c’era un bianco volto
che era un pezzo di Paradiso.
Restarono incantati e a bocca aperta
per tanto tempo senza dire una parola,
emisero sospiri dal cuore,
si lanciarono in migliaia di gesti d’affetto.

Bambino mio sei Tu
sei Tu sole d’amore.

Restarono incantati e a bocca aperta
per tanto tempo senza dire una parola,
emisero sospiri dal cuore,
si lanciarono in migliaia di gesti d’affetto.
Presa confidenza si misero a suonare
e a cantare con gli angeli e con Maria
con una voce che era così dolce
che il Bambino si addormentò in pace.

Andarono i pastori alla capanna
e vi trovarono Giuseppe con Maria,
In mezzo a loro c’era un bianco volto
che era un pezzo di Paradiso.
Presa confidenza si misero a suonare
e a cantare con gli angeli e con Maria,
con una voce che era così dolce
che il Bambino si addormentò in pace.

 

TESTO: Sant'Alfonso Maria de' Liguori

MUSICA: Ambrogio Sparagna


NATALE NAPOLETANO

O vico s’è addurmuto,
nun canta cchiù nisciuno,
o tiempo s’è assettato ncopp’ ’a luna.

Pecchè chistu silenzio
nisciuno ‘o ppò sapè,
è nato nu nennillo bello comm’ a nu rre.

Ma stanotte è Natale,
nun ‘
o siente int’ ’o core
stu penziero che vola
ncopp’ ’e stelle cu tte.

E tremma mmiezz’ ’o mare
na stella assaje lucente
e vasa ncopp’ ’a fronte tutt’ a gente

E pare nu presepio
stu vico attuorno a me,
è nato stu nennillo bello comm’ a nu rre
 

NATALE NAPOLETANO

Il vicolo si è addormentato
nessuno più canta
il tempo si è seduto sulla luna.

Perché questo silenzio
nessuno lo ha mai conosciuto,
è nato un bambino bello come un re.

Ma stanotte è Natale,
non lo senti nel cuore
questo pensiero che vola
sulle stelle con te.

E brilla in mezzo al mare
una stella lucentissima
e bacia sulla fronte tutta la gente

E sembra un presepe
intorno a me questo vicolo,
è nato questo bambino bello come un re

 

TESTO: Bizzarri

MUSICA: Marcucci


CU TTE

Notte me pare stu juorno pecchè
Nun veco
'a luce ca primma ce steva cu tte.
E dint' 'o core sentevo 'e chiamm
à
voce d'ammore, mistero 'e n'eternità.

Tieneme 'a mano e guardame,
c
omm' a criaturo tu portame cu tte.

Chest' amarezza cchiù triste me fa,
ma na carezza bastasse pe farme cantà.

Tieneme 'a mano e guardame,
c
omm' a criaturo tu portame cu tte.
Tieneme 'a mano e parlame,
ca pure 'o mmale nun ce sta cchiù cu tte.
Cu tte


Ogni cosa sta addò ha da sta',
Ogni cosa va addò ha da i'.
E no pecchè 'o vvuò tu
e no pecchè 'o vvoglio io,
ma pe chella santa vuluntà
'e Dio!

 Cu tte

CU TTE

Notte mi sembra il giorno perchè
non vedo la luce che prima c'era con te.

Nel cuore sentivo chiamare

una voce d'amore, mistero dell'eternità.

Tienimi per mano e guardami,
c
ome un bambino tu portami con te.

Quest'amarezza mi fa più triste

ma una carezza, basterebbe per farmi cantare.

Tienimi per mano e guardami,
c
ome un bambino tu portami con te.
Tienemi per mano e parlami,
chè pure il male non c'è più con te.
Con te


Ogni cosa sta dve deve stare,
Ogni cosa va dove deve andare.
E non perché lo voglia tu,
e non perché lo voglia io,
ma per quella santa volontà
di Dio!

Con te.

TESTO: Gianni Aversano

MUSICA: Gianni Aversano