------------------------------------------------------------------------------------------

SCETATE E GUARDA - ed. Itaca - febbraio 2004

 

1 JESCE SOLE
Autori ignoti - 1200 ca.

Jesce sole, scagliente 'mperatore
scanniello mio d'argiento
che vale quattuciento

Jesce sole, nun te fa cchiù suspirare.
Siente maje ca lli figliole
hanno tanto da priare?
1 SORGI SOLE


Sorgi sole, imperatore che riscalda
scranno mio d'argento
che vali quattrocento

Sorgi sole, non farti più sospirare.
Hai mai sentito le donne
pregarti tanto?

3 VURRIA ADDEVENTARE
Autori ignoti - 1500 ca.

Vurria addeventare chianellette e pò 'stare
sotto a sti piere,
ma si lu sapisse,
pe' straziarme tu currenno jisse. 

Vurria addeventare specchio pe' t'ammirare
accussì bella,
ma si lu sapisse
a quacche vecchia brutta me darrisse. 

Vurria addeventare ghiaccio pe' non bruciare
accussì forte,
ma si lu sapisse,
cu' st'uocchie ardente tu me squagliarrisse.
3 VORREI DIVENTARE


Vorrei diventare pantofola e poi stare
sotto i tuoi piedi,
ma se tu lo sapessi,
per straziarmi andresti correndo.

Vorrei diventare specchio per mirarti
così bella,
ma se tu lo sapessi,
a qualche vecchia brutta mi daresti

Vorrei diventare ghiaccio per non bruciare
così forte,
ma se tu lo sapessi,
con i tuoi occhi ardenti mi scioglieresti

4 VILLANELLA CH'ALL'ACQUA VAI
dell'Arpa - 1560 ca.

Villanella ch'all'acqua vai
moro pe' tte e tu nun lu sai

Ahimmè, ahimmè!
Ch'io moro mirando a te!

Quanno vai cu la lancella
pari riggina e nun villanella

Ahimmè...

Non m'importa d'essere nato
'mmiezze 'a nu bosco o aggrazziato...

Ahimmè...
4 CONTADINELLA CHE VAI ALLA FONTE


Contadinella che vai alla fonte
muoio per te e tu non lo sai

Ahimè, ahimè!
Perché io muoio guardandoti

Quando vai con l'anfora
sembri regina e non contadinella

Ahimè...

Non m'importa d'essere nato
rozzo o aggrazziato

Ahimè...

5 SERENATA DE PULECENELLA
rielab. Zezza da Cimarosa - 1800

'Ndretella, gioja de st'arma mia, affaccete! 
Ccà 'ncè sta Pullecenella tuojo 
ca te caccia la lenguella!

Ué, ué, nenné t'affaccia!
Ca sta Pullecenella. 
Te caccia la lenguella
E dice: i' sto ccà!

Ma pecché nun t'affacce? 
Io venghe tutt''e sere ccà sotto
e tu nun t'affacce maje!

Gioia de 'st'alma mia jesce ccà ffora
Ca mammeta nun c'è, jesce a mmalora

Carugnona, carugnona! Affaccete!

Ué, ué co sta vucchella,
co 'st'uocchie, co 'sti vruoccole, 
lo core comm''a spruoccole,
me staje a strazià! 

Stelle stellatela, viente ventatela,
acque addacquatela, fuoche 'nfucatela!

Si craje tu truove 'nfosa 'sta chiazza,
so' lacreme d'ammore e no sputazza!

Carugnona, Carugnona, 
manco stasera te si affacciata!
Ma io t'ho giuro eh! 
Io nun torno cchiù!
5 SERENATA DI PULCINELLA


Piccolina, gioia di questa anima mia, affacciati!
Qua c'è il tuo Pulcinella
che ti fa la linguaccia!

Oh! Piccolina, affacciati!
Qua c'è Pulcinella.
Ti fa la linguaccia
e dice: io sto qua!

Ma perché non t'affacci?
Io vengo tutte le sere qua sotto
e tu non ti affacci mai!

Gioia di quest'anima, esci qua fuori!
Perché tua mamma non c'é, esci maledizione!

Birbante, affacciati!

Oh! Con questa boccuccia,
con questi occhi, con queste moine,
il cuore come la paglia,
mi stai straziando!

Stelle stellatela, venti ventilatela,
acque bagnatela, fuochi infuocatela!

Se domani troverai questa chiazza bagnata,
sono lacrime d'amore e non saliva!

Birbante,
nemmeno stasera ti sei affacciata!
Ma io te lo giuro!
Io non torno più!

6 TE VOGLIO BENE ASSAJE
Sacco - Donizetti? - 1835

Pecché, quanno mme vide,
te 'ngrife comm'a gatto?
Nenné', che t'aggio fatto,
ca nun mme puó' vedé?!
Io t'aggio amato tanto...
Si t'amo, tu lo ssaje!

Io te voglio bene assaje...
e tu non pienze a me!

La notte tutti dormono,
ma io che vuó' durmire?!
Penzanno a nénna mia,
mme sento ascevolí!
Li quarte d'ora sonano
a uno, a duje, a tre...

Io te voglio bene assaje...

Quanno só' fatto cennere,
tanno mme chiagnarraje...
Sempe addimmannarraje:
Nennillo mio addó' è?
La fossa mia tu arape
e llá mme trovarraje...

Io te voglio bene assaje...
6 TI VOGLIO BENE ASSAI


Perché, quando mi vedi,
t'inasprisci come una gatta?
Piccola, cosa ti ho fatto, 
che non mi vuoi guardare?!
Io ti ho amato tanto...
Si, t'amo e tu lo sai!

Io ti voglio bene assai
e tu non ti curi di me!

La notte tutti dormono,
ma per me non c'è pace!
Pensando alla mia donna,
mi sento venir meno!
I quarti d'ora suonano
a uno, a due e a tre...

Io ti voglio bene assai

Quando sarò divenuto cenere,
allora mi rimpiangerai.
Sempre chiederai:
il mio piccolo dov'è?
Apri la mia tomba
e là mi troverai...

Io ti voglio bene assai

7 TORNA MAGGIO 
Russo - Di Capua -1900

Rose! Che belli rrose!...Torna maggio!
Sentite 'addore 'e chisti sciure belle!
Sentite comme cantano ll'aucielle...
e vuje durmite ancora!?...
Ih che curaggio!

Aprite 'sta fenesta, oj bella fata,
ché ll'aria mo s'è fatta 'mbarzamata.
Ma vuje durmite ancora, ih che curaggio!
Rose! Che belli rrose!...
Torna maggio!

Rose! Che belli rrose! E vuje durmite!...
Ma nun ve sceta stu prufumo doce?
'E primmavera nun sentite 'e vvoce?
Ma vuje, core 'mpietto, ne tenite?

Vocca addirosa comm'a na viola!
'A primmavera mia site vuje sola!
Ma chesta voce vuje nun 'a sentite?
Rose! Che belli rrose!
E vuje durmite!...
7 TORNA MAGGIO


Rose! Che belle rose!...Torna maggio!
Sentite il profumo di questi fiori belli!
Ascoltate come cantano gli uccelli...
ma voi dormite ancora!
Che diamine!

Aprite questa finestra, o bella fata
perché l'aria adesso si è fatta profumata
Ma voi dormite ancora, ah che diamine!
Rose! Che belle rose!...
Torna maggio!

Rose! Che belle rose! E voi dormite!
Ma non vi sveglia questo dolce profumo?
E' primavera, non sentite i suoni?
Ma voi ce l'avete il cuore in petto?

Bocca profumata come una viola!
La primavera mia siete voi sola!
Ma questa voce voi non la sentite?
Rose! Che belle rose!
E voi dormite!

8 I' TE VURRIA VASA'
Russo - Di Capua - 1900

Ah! Che bell'aria fresca,
Ch'addore 'e malvarosa...
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!
'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta...
'O viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!

I' te vurría vasá,
ma 'o core nun mm''o ddice
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmì,
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'!...

Tu duorme oje Rosa mia
e duorme a suonno chino,
mentr'io guardo, 'ncantato,
stu musso curallino...
E chesti ccarne fresche
e chesti ttrezze nere
mme mettono, 'int''o core,
mille male penziere!

I' te vurría vasá...
8 IO VORREI BACIARTI


Ah! Che bell'aria fresca...
Che profumo di malvarosa...
E tu stai dormendo,
sopra queste foglie di rosa!
Il sole poco alla volta,
spunta in questo giardino,
il vento passa e bacia
il tuo riccioletto sulla fronte!

Io vorrei baciarti...
ma il cuore mi suggerisce
di non svegliarti!...
Io vorrei dormire...
vicino al tuo respiro,
un'ora con te!...

Tu dormi, Rosa mia...
e dormi beatamente,
mentre io guardo, incantato, 
queste labbra coralline...
E la tua pelle fresca
e le tue trecce nere
insidiano nel mio cuore,
mille pensieri impuri!

Io vorrei baciarti...

9 CICERENELLA
Autori ignoti - 1700

Cicerenella mia si' bona e bella

Cicerenella teneva no gallo,
tutta la notte nce jeva a cavallo,
ma no' tteneva né ossa né pelle,
chisto è lo gallo de Cicerenella 

Cicerenella mia si' bona e bella

Cicerenella s'aizava 'a matina,
menava li pisci int' o mantesino,
uno fujette de sott' a vunnella,
chisto è lo pesce de Cicerenella.

Cicerenella mia si' bona e bella

Cicerenella teneva no culo
ca pareva no cofenaturo,
e l'ammustava la notte a li stelle,
chisto è lo culo de Cicerenella. 

Cicerenella mia si bona e bella

Lo guarracino, ca jéva pe' mare,
lle venne voglia de se 'nzorare;
se facette no bello vestito
de scarde de spine, pulito pulito...
Co na parrucca tutta 'ngrifata
de ziarelle 'mbrasciolate,
co lo sciabbò, scollo e puzine
de seta 'ngrese, fina fina...
Cu li cazune de rezza de funno,
scarpe e cazette de pelle de tunno,
e sciammèria e sciammerino
d'áleghe e pile de vojo marino,
tutto pòsema e steratiello,
jeva facenno lo sbafantiello:
girava da ccá e da llá,
la 'nnammorata pe' se trová...
La sardèlla, a lo barcone,
steva sonanno lo calascione...
e, a suono de trommetta,
jeva cantanno st'arietta:
"E llaré lo mare e lena,
e la figlia d''a zi' Lena
ha lassato lo 'nnammorato
pecché niente ll'ha rialato"...
"Tu mme lieve la 'nnammorata
e pigliatella 'sta mazziata!"
Tùffete e táffete, a meliune,
lle deva pácchere e secozzune...
schiaffe, ponie e perepesse,
scoppolune, fecozze e conesse,
scervecchiune e sicutennosse
e ll'ammaccaje osse e pilosse...

Cicerenella teneva, teneva, teneva...
9 CICERENELLA


Cicerenella mia sei "buona" e bella

Cicerenella teneva un gallo,
tutta la notte ci andava a cavallo,
ma non aveva né ossa né pelle,
questo è il gallo di Cicerenella

Cicerenella mia sei "buona" e bella

Cicerenella s'alzava di buon mattino,
raccoglieva i pesci nel grembiule,
uno scappò da sotto la gonna,
questo è il pesce di Cicerenella.

Cicerenella mia sei "buona" e bella

Cicerenella aveva un culo
che sembrava una grossa conca,
e lo mostrava la notte alle stelle,
questo è il culo di Cicerenella

Cicerenella mia sei "buona" e bella

Al guarracino che girava per il mare,
gli venne voglia di sposarsi:
si fece un bel vestito
di schegge di spine, pulito pulito...
Con una parrucca tutta arruffata
di nastri attorcigliati,
col merletto, sciarpa e "puzine"
di seta inglese, fine fine...
Con pantaloni di rete di fondale,
scarpe e calze di pelle di tonno,
pastrano e giacchetta
di alghe e peli di bue marino,
tutto inamidato e stirato
faceva lo squarcione:
girava di qua e di là,
per trovarsi la fidanzata.
La sardella, sul balcone,
suonava il colascione...
e al suono di trombetta
cantava quest'arietta:
"La la là, il mare e la forza,
e la figlia della zia Elena,
ha lasciato il fidanzato
perché non le ha regalato niente"...
"Tu mi togli la fidanzata
e prenditi queste mazzate!"
"Tuffete e taffete", a milioni,
gli dava pugni e pugni al gozzo...
schiaffi, calci e bastonate,
schiaffoni, carocchie e "conesse",
scapaccioni sulla cervice e pugni in pieno volto
e gli ammaccò ossa e tutto il resto

Cicerenella teneva, teneva, teneva...

10 PASSIONE 
Bovio - Tagliaferri - Valente - 1934

Cchiù luntana me staje,
cchiù vicina te sento...
Chisá a chistu mumento
tu a che pienze ...che faje...
Tu mm'hê miso int''e vvéne
nu veleno ch'è ddoce.
Nun me pesa 'sta croce
ca trascino pe' te!...

Te voglio...te penzo...te chiammo...
te veco...te sento...te sonno...
E' n'anno
- ce pienze ch'è n'anno -
ca st'uocchie nun ponno
cchiù pace truvà...

E cammino, cammino,
ma nun saccio addó' vaco...
I' stó' sempe 'mbriaco
e nun bevo maje vino...
Aggio fatto nu vuto
'a Madonna d''a neve:
si mme passa 'sta freve,
oro e perle lle dó'...

Te voglio...
10 PASSIONE


Più lontana mi stai, 
più vicina ti sento...
Chissà in questo momento
tu a chi pensi... che fai...
Tu mi hai messo nelle vene
un veleno che è dolce.
Non mi pesa questa croce
che trascino per te!...

Ti voglio... ti penso... ti chiamo...
ti vedo... ti sento... ti sogno...
E' un anno
- ci pensi che è un anno -
che i miei occhi non possono
più trovar pace...

E cammino, cammino...
ma non so dove vado...
Io sto sempre "ubriaco"
ma non bevo mai vino...
Ho fatto voto
alla Madonna della neve:
se scompare questa febbre,
le regalo oro e perle...

Ti voglio...

11 CANZONE APPASSIUNATA 
Mario - 1922

N'albero piccerillo aggio piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
Na ventecata giá mme ll'ha spezzato
e tutt''e ffronne cágnano culore...
Cadute só' giá 'e frutte e tutte quante,
erano doce, e se so' fatte amare.
Ma 'o core dice: "Oj giuvinotto amante,
'e ccose amare tiénele cchiù ccare..."

E amara comme si', te voglio bene!
Te voglio bene e tu mme faje murí!

Era comm''o canario 'nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera...
"Scétate!" - io dico - e nun vò' stá scetato...
e mo, nun canta manco a primmavera!...
Chi voglio bene nun mme fa felice
forse sta 'ncielo destinato e scritto.
Ma i' penzo ca nu ditto antico dice:
"Nun se cummanna a 'o core". E i' mme stó' zitto!

E mme stó' zitto, sí... te voglio bene...

Chiagno p'ammore, e cade 'o chianto mio
dint'a 'sta testa: 'o chianto 'a sta arracquanno...
Schiòppa na bella rosa e i', pe' gulio,
a chi mm'ha fatto chiagnere nce 'a manno.
Lle dico: "Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza..."
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
"Fa' bene e scorda e si faje male penza..."

Pènzace buono, sí... te voglio bene...
11 CANZONE APPASSIONATA


Ho piantato un piccolo albero,
curandolo con pena e con fatica.
Una ventata subito me l'ha spezzato
e tutte le foglie cambiano colore...
I frutti sono già caduti e tutti quanti,
erano dolci, ora si son fatti amari.
Ma il cuore dice: "Tu giovane amante,
le cose amare considerale più care..."

E amara come sei, ti voglio bene!
Ti voglio bene e tu mi fai morire!

Era come un canarino innamorato,
questo cuore che cantava mattina e sera...
"Svegliati" - io dico - e non vuol stare sveglio...
e adesso, non canta nemmeno in primavera!...
Colei che voglio bene non mi fa felice,
forse sta in cielo destinato e scritto,
ma io penso che un antico detto dice:
"Al cuore non si comanda". Ed io me ne sto zitto!

E me ne sto zitto, sì... ti voglio bene...

Piango per amore, e cade il mio pianto
in questo vaso: il pianto lo sta innaffiando...
Sboccia una bella rosa ed io, per un desiderio,
a chi mi ha fatto piangere la mando.
Le dico: "Rosa mia tu mi perdoni
se ti calpesterà senza coscienza..."
C'è un detto che mi dà ragione:
"Fai il bene e dimentica ma se fai il male pensa..."

Pensaci bene, sì... ti voglio bene...

12 REGINELLA
Bovio - Lama - 1971

Te si' fatta 'na vesta scullata,
nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose...
stive 'mmiez'a tre o quatto sciantose
e parlave francese...è accussí?
Fuje ll'autriere ca t'aggio 'ncuntrata,
fuje ll'autriere a Tuleto, 'gnorsí...

T'aggio vuluto bene a te!
Tu mm'hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente, pienze a me!...

Reginè', quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase...
Nuje campávamo 'e vase, e che vase!
Tu cantave e chiagnive pe' me!
E 'o cardillo cantava cu tico:
"Reginella 'o vò' bene a stu rre!"

T'aggio vuluto bene a te!
..............
distrattamente, parl''e me!... 

Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun 'o vvide? aggio aperta 'a cajóla!
Reginella è vulata? e tu vola!
vola e canta... nun chiagnere ccá.
T'hê 'a truvá 'na padrona sincera
ch'è cchiù degna 'e sentirte 'e cantá...

T'aggio vuluto bene a te!
..............
distrattamente, chiamm''a me!...
12 REGINELLA


Ti sei fatta una veste scollata,
un cappello con i nastri e con le rose...
eri in mezzo a tre o quattro sciantose
e parlavi francese... è così?
E' stato l'altro ieri che ti ho incontrata,
è stato l'altro ieri in via Toledo, sì...

Ti ho voluto bene!
Tu mi hai voluto bene!
Adesso non ci amiamo più,
ma alle volte tu,
distrattamente, mi pensi!...

Reginella, quando eri con me,
non mangiavi che pane e ciliege...
Noi vivevamo di baci, e che baci!
Tu cantavi e piangevi per me!
Ed il cardellino cantava con te:
"Reginella gli vuoi bene a questo re!"

Ti ho voluto bene!
..............
distrattamente, parli di me!...

Tu cardellino, a chi aspetti stasera?
Non vedi? Ho aperto la gabbia!
Reginella è volata? E tu vola!
Vola e canta... non piangere qua.
Devi trovarti una padrona sincera
che sia più degna di sentirti cantare...

Ti ho voluto bene!
..............
distrattamente, mi chiami!...

13 CANTO DEI SANFEDISTI
Testo Tradizionale 1800; musica R. de Simone

A lu suono de grancascia 
viva lu popolo bascio; 
a lu suono 'e tammurriello 
sò risurte li puverielli; 
a lu suono de campana 
viva viva li pupulane; 
a lu sono de viuline 
morte alli giacubine!

Sona sona 
Sona 'a Carmagnola,
sonan li cunsiglie:
viva 'o Rre cu la famiglia! 

Li Francise so' arrivate,
'nce hanno bbuono carusate;
"et voilà, et voilà", 
cavece 'nculo a la libertà! 
So'venute li Francise
auti tasse 'nce hanno mise. 
"Libertè, ègalitè"...
tu arruobbe a mme, io arrobbo a tte!

Sona sona... 

A Sant'Eremo tanta forte 
l'hanno fatto comm'a ricotta, 
a stu curnuto sbrevugnato 
l'hanno miso 'a mitria 'n capa. 
Maistà, chi t'ha traduto? 
Chistu stommaco chi ha avuto? 
'E signure, 'e cavaliere 
te vulevano priggiuniere! 

Sona sona...

Alli tridece de giugno,
Sant'Antonio gluriuso,
'e signure, 'sti birbante, 
'e ffacettero 'o mazzo tanto! 
Viva Tata Maccarone 
ca rispetta la Religgione. 
Giacubine jate a mare,
ca v'abbrucia lu panaro!

Sona sona... 
13 CANTO DEI SANFEDISTI


Al suono della grancassa
viva il "popolo basso";
al suono di tamburelli
son risorti i poverelli;
al suono di campana
viva viva i popolani;
al suono di violini
morte ai giacobini!

Suona, suona
Suona la Carmagnola
suonano i "consigli":
viva il re con la famiglia!

I Francesi sono arrivati,
e ci hanno completamente dissanguati;
"et voilà, et voilà",
calci in culo alla libertà!
Son venuti i Francesi
e ci hanno imposto altre tasse;
"Libertè, egalitè"...
tu rubi a me, io rubo a te! 

Suona, suona...

A Sant'Elmo, così forte,
l'anno ridotto una poltiglia,
a questo cornuto svergognato
gli hanno messo la mitria in testa.
Maestà, chi ti ha tradito?
Chi ha avuto questa volontà?
I signori e i cavalieri
ti volevano prigioniero!

Suona, suona...

Il tredici di giugno,
Sant'Antonio glorioso,
ai signori, questi birbanti,
fecero il culo grosso così!
Viva "Tata Maccarone"
che rispetta la religione.
Giacobini andate a mare,
che vi brucia il sedere!

Suona, suona...

14 MANDULINATA A NAPULE 
Murolo - Tagliaferri - 1921

Sera d'está! Pusilleco lucente
canta canzone e addora d'erba 'e mare...
Voglio 'e pparole cchiù d'ammore ardente,
voglio 'e pparole cchiù gentile e care
pe' dí "te voglio bene" a chi mme sente.
Ma d''e pparole cchiù carnale e doce,
ne sceglio sulo tre: "Te voglio bene..."
Bella, 'int''o core tujo sacc'io chi tiene...
chi sta int''o core mio saje pure tu...

P''o mare 'e Napule 
quant'armunia!
Saglie 'ncielo e, 'ncielo, sentono,
tutt''e stelle, 'a voce mia:
voce ca tènnera
st'ammore fa.

Notte d'está! Se só' addurmute 'e ccase...
e 'o cielo, a mare, nu scenario ha stiso!
Staje 'mbracci'a me, 'nnucente só' sti vase...
Bella, stanotte, te só' frato e sposo...
Stanotte, Ammore e Dio sóngo una cosa...
Canta: e da 'o suonno Napule se sceta...
ridono 'e vvocche ca se só' vasate...
tutt''e suspire 'e tutt''e 'nnammurate
suspirano, stanotte, attuorno a te...

P''o mare 'e Napule...
14 MANDOLINATA A NAPOLI


Sera d'estate! Posillipo lucente
canta canzoni ed odora di erba di mare.
Voglio le parole più ardenti d'amore,
voglio le parole più gentili e preziose,
per dire "Ti voglio bene" a chi mi sente.
Ma tra le parole più carnali e dolci,
ne scelgo solo tre: "Ti voglio bene..."
Bella, so chi porti nel tuo cuore...
chi porto nel mio cuore lo sai pure tu...

Sul mare di Napoli
quanta armonia!
Sale in cielo, e in cielo sentono
la mia voce tutte le stelle:
voce che quest'amore
rende tenera.

Notte d'estate! Si sono spente le luci...
ed il cielo ha creato uno scenario sul mare!
Stai abbracciata a me, innocenti sono questi baci...
Bella, questa notte ti sono fratello e sposo...
Stanotte, Amore e Dio sono una sola cosa...
Canta: e dal sonno Napoli si sveglia...
ridono le bocche che si son baciate...
tutti i sospiri di tutti gli innamorati
sospirano, stanotte, intorno a te...

Sul mare di Napoli...

15 BRIGANTE SE MORE
Bennato - d'Angiò

Ammo pusato chitarre e tamburo,
pecchè sta musica s'addà cagnà.
Simme brigante e facimme paura
e c'a scuppetta vulimme cantà!

E mò cantamme sta nova canzona,
tutta la gente se l'adda 'mparà,
nuie cumbattimmo p''o rre burbone 
e 'a terra nosta nun s'adda tuccà! 

Tutt' e paise da Baselecata 
se sò scetate e vonno luttà,
pure 'a calabria mò s'è arrevotata 
e stu nemico 'o facimme tremmà!

Chi ha visto 'o lupo e s'è mmiso paura 
nun sape buono qual è 'a verità:
'o vero lupo ca magna 'e ccriature 
è 'o piemuntese c'avimma caccià!

Femmene belle ca date lu core,
si lu brigante vulite aiutà,
nunn'ho chiammate, scurdateve 'o nomme;
chi ce fa 'a guerra nun tene pietà! 

Ommo se nasce, brigante se more, 
ma fino all'ultimo avimma sparà, 
e si murimme menate nu sciore 
e na preghiera pe' sta libertà!
15 LIBERTA' (BRIGANTE SI MUORE)


Abbiamo posato chitarre e tamburi,
perché questa musica si deve cambiare.
Siamo briganti e facciamo paura,
e con la scoppetta vogliamo cantare!

Ed ora cantiamo questa nuova canzone
tutta la gente la deve imparare,
noi combattiamo per il re Borbone
e la terra nostra non si deve toccare!

Tutti i paesi della Basilicata,
si sono svegliati e vogliono lottare,
pure la Calabria ora si è rivoltata
e questo nemico facciamo tremare!

Chi ha visto il lupo ed ha avuto paura
non sa bene qual è la verità:
Il vero lupo che mangia i bambini
è il piemontese che dobbiamo cacciare!

Femmine belle, che ci mettete il cuore,
se volete aiutare il brigante,
non lo chiamate, scordatevi il nome;
chi ci fa guerra non ha pietà!

Uomo si nasce e brigante si muore
ma fino all'ultimo dobbiamo sparare.
E se moriremo, lanciate un fiore
ed una preghiera per questa libertà!

16 'NA BRUNA 
Langella - Barucci - Visco - 1971

Venètte da tanto luntano
nu furastiero...
Restaje 'ncantato d''o mare,
d''o sole e 'a luna,
nu furastiero...
Se 'ncantaje 'e duje uocchie curvine
'e 'na bruna, 'e vint'anne d'etá...

Chella vò' bene a n'ato,
pe' chillo more...
Pe' nu bellu guaglione
'e piscatore...
Furastiero, 'e denare che só',
quanno 'o core fa chello che vò'?...
Chella s'è fatta 'a croce 
cu ll'acqua 'e mare...
e po' ha giurato: 
"Io nun te lasso maje,
nun te lasso maje..."

P''o mare na festa 'e lampáre...
'Nu piscatore,
s'astregne 'int''e bbracce 'na bruna
cu 'o velo 'e sposa...
Dice 'a gente: "Cu bona furtuna!
Pe' cient'anne,
e pe' sempe accussí..."

Chella vò' bene a n'ato...
16 UNA RAGAZZA BRUNA


Venne da tanto lontano
un forestiero...
Restò incantato del mare,
del sole e della luna,
un forestiero...
S'incantò di due occhi neri 
di una ragazza bruna, di vent'anni...

Lei vuol bene a un altro
e per quello darebbe la vita.
Per un bel ragazzo
pescatore...
Forestiero, cosa sono i soldi, 
quando il cuore fa quello che vuole?
Lei s'é fatta la croce 
con l'acqua di mare...
e poi ha giurato:
"Io non ti lascio mai,
non ti lascio mai..."

Per il mare una festa di lampare...
Un pescatore
stringe tra le braccia una ragazza bruna
col velo di sposa...
Dice la gente: "Con buona fortuna!...
per cento anni,
e per sempre così..."

Lei vuol bene ad un altro...

17 TAMMURRIATA NERA
Mario - 1944

Io nun capisco, ê vvote, che succede...
e chello ca se vede,
nun se crede! 
E' nato nu criaturo, è nato niro...
e 'a mamma 'o chiamma Giro,
sissignore, 'o chiamma Giro...

Séh! gira e vota, séh...
Séh! vota e gira, séh...
Ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuono,
ca tu 'o chiamme Peppe o Giro,
chillo, o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm'a che!...

'O contano 'e ccummare chist'affare:
"Sti fatte nun só' rare,
se ne contano a migliara!
A 'e vvote basta sulo na guardata,
e 'a femmena è rimasta,
sott''a botta, 'mpressiunata..."

Séh! 'na guardata, séh...
Séh! 'na 'mpressione, séh...
Va' truvanno mo chi è stato
ch'ha cugliuto buono 'o tiro,
chillo, 'o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm'a che!...

E signurine 'e Capodichino
fanno ammore cu 'e marucchine
'e marucchine se vòttano 'e lenze
e 'e signurine cu 'e panze annanze.
American espresso
damm''o dollaro ca vaco 'e pressa,
si no, vene 'a pulisse,
mette 'e mmane addò vò jsse.
Ajeressera, a piazza Dante,
'o stommaco mio era vacante;
si nun era p''o contrabbando,
mò già stevo 'o Campusanto.

E levate 'a pistuldà,
e levate 'a pistuldà;
e pisti pakin mama,
e levate 'a pistuldà.

'E signurine napulitane
fanno 'e figlie cu 'e mericane,
nce vedimmo ogge e dimane,
mmiezo Portacapuana.
Aieressera magnaje pellecchie
'e capille 'ncopp''e recchie,
'e capille, 'e capille
e 'o recotto cu 'a cammumilla
'O recotto, 'o recotto,
e 'a fresella cua 'a carna cotta,
'a fresella, 'a fresella, 
e zì monaca tene 'a zella.
A Cuncetta e a Nanninella
lle piacevano 'e caramelle,
mò se prentano pe' zetelle,
vanno a fernì ncopp''e burdelle.
E Ciurcillo, 'o viecchio pazzo,
s'arrubato 'e matarazze
e ll'America pe' dispietto
l'ha scippato 'e pile 'a pietto.

E levate 'a pistuldà...

'Ncopp''o ponte 'e Matalune
lla 'nce stanno 'e lampiune,
'e lampiune 'e lampiuncielle,
'o tricchitracco int''a vunnella,
'o piglio mane, 'o jette 'nterra
'o faccio fa Pullecenella.
17 TAMMURRIATA NERA


Io non capisco a volte cosa succede...
e quello che si vede, 
non si può credere!
E' nato un bambino, è nato nero...
e la mamma lo chiama Ciro,
sissignore, lo chiama Ciro...

Seh! Gira e volta, seh...
Seh! Volta e gira, seh...
Lo puoi chiamare Ciccio o Antonio,
lo puoi chiamare Peppe o Ciro,
comunque il caso è tragico,
tragico assai!...

Raccontano le comari questo accaduto:
"Questi fatti non sono rari,
se ne contano a migliaia!
A volte basta solo uno sguardo,
e la femmina rimane,
d'un botto, impressionata..."

Seh! Uno sguardo, seh...
Seh! Un'impressione, seh...
Va a sapere chi è stato
che ha centrato il suo tiro,
comunque il caso è tragico,
tragico assai!...

Le signorine di Capodichino
fanno l'amore con i marocchini
i marocchini si buttano a pesce
e le signorine con le pance gravide.
American Express
dammi il dollaro che vado di fretta,
altrimenti arriva la polizia,
mette le mani dove vuole.
Ieri sera a piazza Dante
il mio stomaco era vuoto;
se non era per il contrabbando,
ora già stavo al camposanto.

Oh, let Lay that pistol down!
let Lay that pistol down!
Pistol packing mama, 
Lay that pistol down!

Le signorine napoletane
fanno i figli con gli Americani,
ci vediamo oggi e domani,
sotto Porta Capuana.
Ieri sera mangiai pellecchie
i capelli sulle orecchie,
i capelli, i capelli
e il decotto con la camomilla
Il decotto, il decotto
e il crostone con la carne cotta,
il crostone, il crostone
e zia monaca ha la testa pelata.
A Concettina e Annuccia
piacevano le caramelle,
adesso si fingono non maritate,
frequentando i bordelli
E Churcill, il vecchio pazzo,
si è rubato i materassi
e l'America per dispetto
gli ha strappato i peli dal petto.

Oh, let Lay that pistol down!

Sul ponte di Maddaloni
ci stanno i lampioni,
lampioni e lampioncini,
"tricchetracco" dentro il grembiule,
lo prendo in mano, lo butto a terra,
gli faccio fare Pulcinella.

18 SILENZIO CANTATORE 
Bovio - Lama - 1922

Zitta,
stanotte nun dicere niente,
cádeme 'mbraccia, ma senza parlá...
Dòrmono 'e ccose nu suonno lucente,
nu suonno 'e 'na notte d'está.

Marí',
dint''o silenzio
- silenzio cantatore -
nun te dico parole d'ammore,
ma t''e ddice stu mare pe' me!...

Dimme:
stanotte si' tutta d''a mia?
Ll'uocchie tuoje belle
mme diceno 'e sí...
No, cu 'sta luna, nisciuna bucía
sta vócca buciarda pò ddí!...

Marí', ...
ma t''e ddice stu cielo pe' me!... 

Cielo rispunne,
rispunnemo mare,
stelle pecché
nun vulite parlà.
Napule, dimme, so' ddoce o so' amare
sti ll'acreme c'aggia jettà?

Marí', ...
ma t''e ddice 'o silenzio pe' me!... 
18 SILENZIO CHE CANTA


Zitta,
stanotte non dire niente;
cadimi tra le braccia, ma senza parlare...
Tutto dorme in un sogno splendente,
un sogno di una notte d'estate.

Maria, 
nel silenzio,
-silenzio che canta-
non ti dico parole d'amore, 
ma te le dice questo mare per me!

Dimmi:
stanotte sei tutta mia?
Gli occhi tuoi belli 
mi dicono "si"...
No, con questa luna, nessuna bugia
questa bocca menzognera può dire!

Maria, ...
ma te le dice questo cielo per me!...

Cielo rispondimi,
rispondimi mare,
stelle perché
non volete parlare?
Napoli, dimmi, sono dolci o amare
queste lacrime che dovrò versare?

Maria, ...
ma te le dice il silenzio per me!...

19 LA SANTA ALLEGREZZA
Tradizionale - 1700

Nuje cantammo la Santa Allegrezza,
Maria bellezza maggiore ci dà!
S'è incarnato lu Verbo di Dio,
lasciando a Maria la verginità.
Cosa importante,
lo Patre, lo Figlio e lo Spirito Santo!

Quanno tu gravida fuste Regina,
lo cielo de stelle faciste stupire;
quanno l'intese Giuseppe devoto,
cercava nu luogo per partorire.
Cosa n'ce prega,
Giuseppe e Maria ce cercan la fede. 

E San Giuseppe, patriarco supremo
pe' dare lo fieno ne apre la mano;
e se non era la mano di Dio,
lo cielo sereno pe' letto n'avria.
Dove reposa,
è la bellezza di tutte le cose!

Quanno in viaggio la coppia si mise,
n'angelo scende dal gran Paradiso,
p'accumpagnarcela passo pe' passo
e per difenderla da Satanasso.
Verbo di Dio,
quanno in viaggio si mise Maria.

Ma gran pericolo deve passare
la Vergine bella del cielo e del mare;
e se un serpente il piede l'arresta,
la Verginella ci schiaccia la testa.
Luce la strada,
dodici stelle Maria è 'ncurunata.

Po' nel cammino, per farla passare,
s'aprono pure le onde del mare;
cantano tutte le acque del mondo,
per questa vergine bella e gioconda.
Luce divina,
quanno Maria sopra all'acqua cammina.

E San Giuseppe, dal giglio d'argento,
va con la sposa nel freddo e nel vento,
e quando il vento si sente più forte,
bussa Giuseppe a tutte li porte;
fa l'addimanda,
ma non c'è posto int'a cchesta locanda.

Soffre Maria e la mano ce tremma,
quanno n'arrivano a Betlemme;
per questa coppia che il freddo l'agghiaccia,
tutti ci chiudono la porta n'faccia.
Mmiezo a la via,
nasce il mistero del Verbo di Dio!

E in mezzo al cielo Maria tutta pura
e sotto al piede ci spunta la Luna.
Vergine bella che andasti e venisti,
pe' gghire truvanno la croce de Cristo.
Per redenzione
dell'umana generazione.
19 LA SANTA ALLEGREZZA


Noi cantiamo la Santa Allegrezza:
Maria ci dà una bellezza grande!
Si è incarnato il Verbo di Dio,
lasciando a Maria la verginità.
Fatto straordinario,
il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo!

Quando tu gravida fosti, Regina,
il cielo pieno di stelle facesti stupire;
quando lo seppe il devoto Giuseppe,
cercava un posto per farti partorire.
Cosa chiede,
Giuseppe e Maria cercano la fede.

E San Giuseppe, patriarca supremo,
per dare il fieno apre la mano
e se non era la mano di Dio,
avrebbe avuto come letto il cielo sereno. 
Dove riposa,
risplende la bellezza di tutte le cose!

Quando in viaggio la coppia si mise,
un angelo scese dal grande Paradiso,
per accompagnarla passo per passo
e per difenderla da Satana.
Verbo di Dio,
quando in viaggio si mise Maria.

Ma gran pericolo deve passare
la Vergine bella del cielo e del mare;
e se un serpente le ferma il piede,
la Vergine gli schiaccia la testa.
Riluce la strada,
di dodici stelle Maria è incoronata.

Poi nel cammino, per farla passare,
si aprono pure le onde del mare;
cantano tutte le acque del mondo,
per questa Vergine bella e gioconda.
Luce divina,
quando Maria sopra l'acqua cammina.

E San Giuseppe, dal giglio d'argento,
va con la sposa nel freddo e nel vento,
e quando il vento si sente più forte,
bussa Giuseppe a tutte le porte;
domanda ospitalità,
ma non c'è posto nelle locande.

Soffre Maria e le trema la mano,
quando arrivano a Betlemme;
a questa coppia impietrita dal freddo
tutti chiudono la porta in faccia.
In mezzo alla strada,
nasce il mistero del Verbo di Dio!

E in mezzo al cielo Maria tutta pura
e sotto i piedi le spunta la Luna.
Vergine bella che andasti e venisti,
per arrivare alla croce di Cristo.
Per redenzione
dell'umana generazione.

20 TANGANDO SCETATE E GUARDA
D. De Luca - G. Aversano - 2003

T'annascunne luntano dall'uocchie,
da mane e parole rignute 'e speranza.
Dint'a mure che parlano 'e niente,
tra mille turmiente tu sola a durmì.

Scetate e guarda stu cielo cu mme,
'ncielo è passata 'na stella.
Tutta 'sta vita se move pe' tte,
nun ce sta 'na nuttata cchiù bella!

Luna, tu ca stasera me guarde,
stampata int''e llastre, fai luce a Marì.
Sciosce viento, tu pure me siente,
passanno p''o vico, rispunneme "si".

Scetate e guarda stu cielo cu mme,
ché mò 'sta luna è 'na perla.
Tutta 'sta vita se move pe' tte,
nun ce sta 'na nuttata cchiù bella!

E io resto cca,
a fermà 'stu mumento pe tte;
a suspirà,
mentre tu staje durmenno pe' sulo sunnà.
'Sta vita addò va? 
Si fuje nun è libertà!
Cu tte vurria sempe sta, 
tu sule me saje fa' cantà.
Ma tu nun si 'a mia,
però 'stu bbene sì;
te guardo e ti dico: 
'st'ammore nun pò maje furnì!

Sta fenesta, che ancora è 'nzerrata,
me fa sta nuttata 'e passione murì.
Nun c'è ammore si nun porta 'a croce,
me dice 'na voce ca è scritto accussì.

Scetate e guarda stu cielo cu mme,
adda fernì chesta guerra.
Tutta 'sta vita se move pe' tte,
nun ce stà na nuttata cchiù bella!
Tutta sta vita se move pe' tte,
e pe' mme tu si' a rosa cchiù bella! 
20 TANGANDO SVEGLIATI E GUARDA


Ti nascondi lontano dagli occhi,
da mani e parole piene di speranza.
Dentro mura che parlano di niente,
tra mille tormenti tu sola a dormire.

Svegliati e guarda questo cielo con me,
in cielo è passata una stella.
Tutta questa vita si muove per te,
non c'è una notte più bella!

Luna, tu che stasera mi guardi,
riflessa nei vetri, fai luce a Maria.
Soffia vento, tu pure mi senti,
passando per il vico, rispondimi "si".

Svegliati e guarda questo cielo con me,
perché adesso la luna è una perla.
Tutta questa vita si muove per te,
non c'è una notte più bella!

E io resto qua,
a fermare questo momento per te;
a sospirare,
mentre tu stai dormendo per solamente sognare.
Questa vita dove va? 
Se scappi non è libertà!
Con te vorrei sempre restare, 
tu solo riesci a farmi cantare.
Ma tu non sei mia,
però questo bene sì;
ti guardo e ti dico: 
quest'amore non può mai finire!

Questa finestra, che è ancora chiusa,
mi fa questa notte morire di passione.
Non c'è amore che non porti una croce,
mi dice una voce che è scritto così.

Svegliati e guarda questo cielo con me,
dovrà finire questa guerra.
Tutta questa vita si muove per te,
non c'è una notte più bella!
Tutta questa vita si muove per te,
e per me tu sei la rosa più bella!